Medole - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Medole
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: MEDOLE
 Medole è un comune di 3.316 abitanti della provincia di Mantova.
 Medula", "Vico Madole", "Castrum Medulae" … e finalmente Medole!. Col passare dei secoli il nome del nostro paese cambia, ma le origini restano sempre le stesse: "medolo", termine geologico che sta ad indicare pietra. Il sottosuolo ricco di sassi, ghiaia e sabbia deriva dai detriti depositati dai ghiacciai del Garda in seguito al loro scioglimento. Il cammino della storia, di cui è protagonista Medole, è lungo e complesso. Il nostro paese fu abitato dai romani che lasciarono numerose tracce del loro insediamento. Nel quindicesimo secolo divenne proprietà dei Gonzaga, ai quali dobbiamo, tra l'altro, la costruzione di quella che oggi è la torre civica. Nel 1700 con l'inizio delle guerre il nostro comune diviene possedimento straniero.
 Nel corso di quasi duecento anni, si alternano austriaci e francesi fino alla pace di Villafranca durante la seconda guerra d'indipendenza dove Medole viene aggregato alla provincia di Brescia fino al 1866, anno in cui passerà sotto Mantova. Diversi medolesi si resero protagonisti di queste vicende storiche; come non citare Pietro Scaratti e Giovanni Buzzacchi a fianco di Garibaldi nella spedizione dei mille. Questi i nomi più noti, sarebbe impossibile risalire ai 651 valorosi che presero parte alla prima guerra mondiale o ai 420 del secondo conflitto. E' la storia di Medole, che rivive ogni giorno nelle tracce, numerosissime dei propri trascorsi.
Manifestazioni:
Si apre l'anno col "Lünare".
 Una cucina riscaldata dal fuoco di una stufa a legna, un paiolo con la polenta che sbuffa, il calore di una sera invernale passata in famiglia: queste le sensazioni rievocate dall'ormai tradizionale calendario di Medole, il Lünare Medules appunto. Foto antiche, modi di dire rigorosamente in dialetto, storie e aneddoti di personaggi più o meno noti il tutto naturalmente "medolese". In più, rimedi casalinghi ai piccoli e grandi problemi di ogni giorno e consigli su come utilizzare le piante officinali del luogo completano il calendario ormai puntuale appuntamento da quasi vent'anni.
Carnevale a Medole.
 E' consuetudine per il nostro paese, festeggiare la ricorrenza del carnevale con varie manifestazioni promosse dalle associazioni culturali locali, con l'appoggio di vere e proprie compagnie teatrali. Capita in questo modo, che tra il giovedì grasso e il martedì grasso che chiude il carnevale, il teatro sia adornato da festoni colorati e deliziato dal profumo di nostrane e fragranti castagnole preparate dalle volonterose mamme del paese. E un carnevale per tutti, per i bambini che in maschera si sfidano a suon di coriandoli nelle feste organizzate per loro, per i genitori e per tutti quanti vogliano apprezzare il gusto di una commedia dialettale che sa di antico.
1° Maggio in piazza!
 Gessetti colorati, carbonella, cartoncini bianchi e tanti piccoli artisti in erba: questi gli ingredienti per un 1° maggio alla medolese. E'una tradizione che va avanti da più di vent'anni, promossa dalla Biblioteca Comunale che in occasione di questa ricorrenza, propone un tema che aiuta i bambini e i ragazzi a sviluppare la loro fantasia creando dei veri e propri capolavori. La fatica della giornata è presto dimenticata grazie al premio che spetta a tutti i volonterosi partecipanti. I disegni rimangono esposti per il pubblico che li può ammirare nel parco comunale.
Giugno ed Ottobre in fiera!
 Le fiere del paese sono due, quella estiva la terza domenica di giugno; le seconda, autunnale, la prima domenica di ottobre. In occasione di queste due ricorrenze, la piazza è invasa dalle giostre e dal profumo dei dolci sulle bancarelle. I medolesi emigrati nei paesi vicini, ne approfittano per far visita ai parenti e trascorrere con loro una spensierata giornata di festa. Per soddisfare anche le persone più esigenti, sono solitamente organizzate mostre d'arte ed eventi culturali.
S. Lucia … una tombolata in compagnia!
 La notte tra il 12 e il 13 dicembre, mentre i bimbi sotto le calde coperte aspettano trepidanti l'arrivo di Santa Lucia che porterà ai più buoni tanti dolci e giocattoli, i genitori si divertono ad aggregarsi nei bar e nel Teatro Comunale per giocare a tombola. La tradizione è una delle più antiche e seguite dai medolesi e non. I premi? Ghiotti cesti che stimolano l'appetito solo a vederli. In quest'occasione non possono mancare le "scalette" i biscottini che fanno felici grandi e bambini.